Se siete dei golfisti di lunga data, potrebbe capitarvi di rovistare tra gli scatoloni ammassati in cantina e di ritrovarvi tra le mani una scatola di vecchie palline, diciamo…molto vecchie. La curiosità è tanta. Quanto sono cambiate le palline da golf negli ultimi venti anni?

E’ ciò che è accaduto ad un professionista di golf, il quale ha voluto testare le performance di una vecchia Titleist Professional 90, contro l’ultimissima Titleist Pro V1.
La Titleist Professional 90 è stata in assoluto la pallina più utilizzata dai giocatori migliori per tanti anni, un pò quello che accade ora con la Pro V1, sebbene oggi Titleist conosca la concorrenza di palline come Bridgestone, Callaway, Srixon e TaylorMade. Insomma, la Titleist Professional 90 era la pallina preferita dai pro, come se la caverà contro la nuovissima Pro V1? Venti anni di differenza sono veramente tanti, e tutti sappiamo quanto sia cambiato il golf e l’attrezzatura in questo lasso di tempo.
La scatola di palline Titleist professional che è stata testata è del 1999, perfettamente custodita per tutti questi anni dentro la sua scatola originale. E’ pacifico che in questo periodo possa aver perso una parte della sua elasticità, ma la differenza rispetto alla Pro V1 del 2019 sarà notevole?

Per testare le due palline si è utilizzato uno dei migliori launch monitor a disposizione, il Foresight GC Quad, una potente macchina in grado di “leggere” con precisione tutti i dati del colpo. Per rendere il test ancora più efficace è stato eseguito un notevole numero di colpi, utilizzando il Pitching wedge, il ferro 7 e il Driver. Per ottenere dati perfettamente comparabili, sono stati presi in considerazione solo i colpi eseguiti alla medesima velocità del bastone e colpiti in modo quasi uguale.

I dati dei colpi eseguiti con il Pitch mostrano come la nuova Titleist viaggi un metro in più rispetto alla pallina vecchia, con uno spin appena superiore. Potremmo dire che, con il Pitching wedge, la differenza tra le due palline è pressoché trascurabile.

Lo scenario cambia in modo significativo con il ferro 7: la velocità di partenza della palla è di 122.6 mph con la Pro V1, e 119 con la Professional. La Pro V1 vola per 175 yds contro i 169 yds della Professional. Con il ferro 7, la differenza nel carry è quindi di 6 yds.

Con il driver, la differenza in termini di distanza di volo sale a 11 yds, a favore della nuova Titleist ( 280yds vs 269yds). Anche con questo bastone, lo spin non mostra delle differenze eclatanti (2217 la Pro V1, 2245 la Professional), così come gli altri parametri.

In definitiva, con il Driver la differenza di distanza tra una pallina del 1999 contro una nuova pallina del 2019 è di 11 yds, circa 10 metri, praticamente mezzo metro per ogni anno di differenza di età delle palline. Adesso la parola a voi: come valutate questa differenza di performance tra le due palline? Vi sareste immaginati una differenza maggiore?

Condividi: